fbpx

Rate mutui, finanziamenti e leasing, cosa prevede il Decreto “Cura Italia”?

Le misure straordinarie in tema di mutui, finanziamenti e leasing riguardano le imprese, ma anche chi ha un mutuo prima casa e in questo momento, si trova in difficoltà a sostenere l’impegno economico delle rate.
Prima di analizzare il D.P.C.M. 16 Marzo 2020 “CURA ITALIA”, in corso di attuazione, è utile analizzare le due forme di sospensione dei mutui già in vigore:
1) Fondo di Solidarietà (per i privati)
La sospensione delle rate del mutuo era già prevista dal Fondo di Solidarietà istituito con la Legge n 244/2007 ed è rivolta alle famiglie e ai soggetti titolari di un mutuo prima casa che si trovano in situazioni di temporanea difficoltà economica, per cessazione del rapporto di lavoro o sospensione o riduzione dell’orario di lavoro, per decesso o grave infortunio. Questa riguarda solo il pagamento della quota capitale del mutuo, mentre gli interessi vanno comunque corrisposti.
Essendo una legge datata, ci limitiamo ad allegare bozza della domanda che ha rilasciato il MEF >>> Scarica l’allegato 1
2. Le moratorie sottoscritte dall’ABI (Associazione Bancaria Italiana) a tutela delle imprese
Venerdì 6 marzo 2020, l’ABI e le Associazioni di rappresentanza delle imprese hanno sottoscritto un Addendum all’Accordo per il Credito del 2019, in tal modo prorogando l’applicazione della misura “Imprese in Ripresa 2.0”.
Grazie a questo accordo, per tutti i finanziamenti in essere al 31 gennaio 2020, le imprese danneggiate dall’emergenza Coronavirus, usufruendo della c.d. moratoria ABI, potranno:

  • chiedere la sospensione del pagamento della quota capitale delle rate fino a un anno per i finanziamenti a medio lungo termine (mutui, anche perfezionati tramite il rilascio di cambiali agrarie);
  • chiedere la sospensione della quota capitale implicita dei canoni di leasing per le operazioni di leasing immobiliare o mobiliare.

Cos’è la quota capitale?
Un finanziamento (mutuo, prestito) è composto dalla parte del denaro prestato, il capitale, e dagli interessi stabiliti dal contratto.

In caso di rimborso a mezzo di rate, queste saranno composte da una parte di capitale prestato e da una parte di interessi, in proporzione definita.
La parte di capitale rimborsata per ciascuna rata si definisce quota capitale.


Per le operazioni di allungamento dei mutui, il periodo massimo di estensione della scadenza del finanziamento può arrivare fino al 100% della durata residua dell’ammortamento.
Per il credito a breve termine e il credito agrario di conduzione, il periodo massimo di allungamento delle scadenze è pari rispettivamente a 270 giorni e a 120 giorni.
Molti istituti stanno allargando questa procedura anche ai privati.

Come fare operativamente?

Per le imprese serve:

  • predisporre l’autodichiarazione allegata >>>Scarica l’allegato 2
  • firmare modulistica del proprio istituto
  • allegare:
    • Copia ultimo bilancio presentato (anno 2018);
    • bozza bilancio dell’ultimo esercizio chiuso (anno 2019).

Per i privati è necessario:

  • firmare modulistica del proprio istituto
  • allegare ultima busta paga.

 

Andiamo dunque ad analizzare il più recente D.P.C.M. 17 Marzo2020 “CURA ITALIA”

Con il nuovo decreto sarà possibile richiedere la sospensione del mutuorelativo all’acquisto della prima casa anche ai lavoratori autonomi e liberi professionisti, per un massimo di due volte e per un periodo complessivo di 18 mesi, prorogandone così la scadenza. Il Fondo di Solidarietà provvederà al pagamento degli interessi compensativi nella misura pari al 50% degli interessi maturati sul debito residuo durante il periodo di sospensione. Possono beneficiarne non solo coloro che hanno subito la riduzione dell’orario o la sospensione dal lavoro in seguito all’allarme Coronavirus, ma anche – e per un periodo di 9 mesi – i lavoratori autonomi e i liberi professionisti che autocertifichino di aver registrato “in un trimestre successivo al 21 febbraio2020 ovvero nel minor lasso di tempo intercorrente tra la data della domanda e la predetta data”, una riduzione del proprio fatturato superiore al 33% rispetto al fatturato dell’ultimo trimestre 2019, in seguito alla chiusura o alla riduzione del lavoro dovuta alle misure adottate dalle autorità competenti con il diffondersi del Covid-19.

Per presentare la domanda bisogna ancora attendere

Nonostante i decreti legge siano immediatamente in vigore una volta pubblicati in Gazzetta Ufficiale, per poter presentare la domanda di sospensione bisognerà attendere le disposizioni, che come indicato nel testo del Decreto “Cura Italia”, saranno emanate entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore del suddetto Decreto (pertanto entro il 17 aprile).
Per il momento possiamo dire che la domanda di sospensione delle rate del mutuo andrà presentata alla stessa banca erogatrice del finanziamento, compilando un apposito modello e la documentazione necessaria ad attestare il verificarsi delle condizioni.
La banca farà poi le opportune verifiche e rilascerà il “nulla osta” entro 15 giorni lavorativi. Il provvedimento, si legge ancora nel testo, verrà adottato entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore del decreto.

Attenzione! Il decreto include misure anche a favore delle PMI

Inoltre per le imprese italiane che alla data dell’entrata in vigore del decreto (17/03/2020) avevano ottenuto prestiti o linee di credito da banche o altri intermediari finanziari è previsto che:

  • le linee di credito accordate “sino a revoca” e i finanziamenti accordati a fronte di anticipi su crediti non possano essere revocati fino alla data del 30 settembre 2020;
  • a restituzione dei prestiti non rateali con scadenza anteriore al 30 settembre 2020, sia rinviata fino alla stessa data, alle stesse condizioni.

Lo Studio provvederà a fornire ulteriori aggiornamenti.

Il nostro appello è quello di COLLABORARE affinchè questa emergenza sia contenuta e rientri il prima possibile. Non c’è tempo per polemiche, perchè ci sono persone che muoiono davvero o che rischiano di non ricevere assistenza se la situazione peggiora. 
L’Italia quando vuole, sa essere straordinaria e di esempio per tutti. 
Cominciamo da noi stessi. Andrà tutto bene!
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram
Share on email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi fissare un appuntamento presso il nostro Studio?

Riempi questo modulo, il nostro staff ti contatterà il prima possibile.