fbpx

Nuovi obblighi dal 1° luglio 2020: limiti all’uso del contante

Limiti all’uso del contante

Dal 1° Luglio scattano limiti più stringenti all’uso del contante.
Diventano vietati i trasferimenti di denaro tra privati (o di libretti di deposito bancari e postali al portatore o titoli al portatore) pari o superiori a 2mila euro. La soglia per l’uso del cash viene infatti ridotta a 1.999,99 euro, rispetto ai precedenti 2.999,99 euro. Quella in arrivo è la quinta modifica in dieci anni, ed è stata stabilita dal decreto fiscale (Dl 124/2019, articolo 18) collegato alla legge di Bilancio 2020. Decreto che ha anche previsto un prossimo ulteriore abbassamento: dal 1° gennaio 2022 il limite passerà a mille euro (saranno cioè ammessi pagamenti in contante fino a 999,999 euro).

Sanzioni
Per le violazioni commesse e contestate dal 1° luglio al 31 dicembre 2021, la sanzione per le persone coinvolte va da 2mila a 50mila euro. Se la violazione riguarda importi superiori a 250mila euro, la sanzione viene quintuplicata sia nel minimo (portata quindi a 10mila euro) che nel massimo (a 250mila euro).

Pagamenti elettronici
Scatta il credito per i negozianti sull’uso del Pos.
Il 1° luglio arriva un bonus sui pagamenti elettronici, a favore di esercenti e professionisti.
Un credito d’imposta pari al 30% delle commissioni addebitate per le transazioni con carte di debito, di credito, prepagate o tramite altri strumenti elettronici tracciabili.
 
Beneficiari
Il credito, previsto dallo stesso decreto che riduce l’uso del contante (Dl 124/19, articolo 22), spetta se i ricavi o i compensi dell’anno d’imposta precedente non hanno superato i 400mila euro. E solo per le commissioni legate a cessioni di beni e prestazioni di servizi rese (dal 1° luglio) ai consumatori finali.
 
>> Modalità di erogazione del bonus
Esercenti e professionisti riceveranno mensilmente, in via telematica, l’elenco delle transazioni effettuate e le informazioni sulle commissioni addebitate dagli operatori. Entro il 20 del mese successivo, nella casella di Pec o nell’online banking vedranno poi esposti i dati per determinare il bonus spettante. Il credito d’imposta maturato si può usare solo in compensazione, tramite F24, dal mese successivo a quello in cui è stata sostenuta la spesa.

Per chiarimenti contatta lo Studio scrivendo a info@studiomattonai.it

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram
Share on email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi fissare un appuntamento presso il nostro Studio?

Riempi questo modulo, il nostro staff ti contatterà il prima possibile.