Cari Clienti,

per terminare la settimana passata l’Agenzia delle Entrate ha pensato bene di inviare a tutti i soggetti, che alla data del 31 dicembre 2019 non hanno trasmesso i corrispettivi giornalieri riferiti al periodo da luglio 2019 a novembre 2019, una comunicazione di anomalia. La comunicazione è stata inviata a mezzo PEC.

 

 

Le società sono state selezionate qualora abbiano indicato nella dichiarazione IVA 2019 di:

–         aver effettuato operazioni economiche nei confronti di consumatori finali (quadro VT);

–         aver realizzato un volume d’affari superiore a 400.000 euro (quadro VE).

 

L’Agenzia richiede di verificare al più presto la posizione:

  1. in caso di mancata trasmissione dei corrispettivi telematici è possibile regolarizzare la propria posizione tramite ravvedimento operoso;
  2. in caso di trasmissione dei dati dei corrispettivi dopo il 31 dicembre 2019 non è necessario tenere conto della comunicazione ricevuta;
  3. nel caso in cui la società non sia tenuta alla trasmissione dei corrispettivi giornalieri all’Agenzia delle entrate, è necessario procedere con la comunicazione dei chiarimenti tramite CIVIS.

 

Tra le casistiche oggi ricevute il terzo caso è quello più frequente soprattutto in quei casi in cui l’azienda emetta fattura elettronica a privati in luogo del documento commerciale escludendo pertanto l’obbligo di trasmissione dei telematica dei corrispettivi.

 

Stiamo predisponendo un memo per la risposta alla comunicazione in oggetto e restiamo a Vs disposizione per ulteriori chiarimenti.

 

 

Bientina lì, 03/02/2020

Studio Mattonai

 

Lascia un commento