Con l’approssimarsi delle chiusure di fine anno, si rende necessario provvedere alla valutazione delle giacenze di magazzino relativamente a merci, materie prime, prodotti in corso di lavorazione, lavori e servizi in corso su ordinazione e prodotti finiti esistenti al 31 Dicembre presso l’impresa, i suoi magazzini e depositi, le sue eventuali unità locali, ovvero anche presso terzi (per esempio in conto deposito o in conto lavorazione).

 

Nella tabella che segue riepiloghiamo quanto detto:

Beni in inventario
beni presso magazzino
beni in deposito
beni presso unità locali
beni di proprietà ma presso terzi
beni di proprietà altrui presso l’azienda no
beni di proprietà in viaggio
beni in viaggio di proprietà altrui no

I beni di terzi presso l’azienda, pur non dovendo essere ricompresi nell’inventario di magazzino, devono essere oggetto di apposita annotazione in bilancio, pertanto è necessario provvedere alla rendicontazione anche di detti beni.

Ricordiamo che l’obbligo di tenuta fiscale delle scritture ausiliarie di magazzino, secondo quanto previsto dall’articolo 1, D.P.R. 695/1996, riguarda i contribuenti che, per almeno 2 periodi di imposta consecutivi:

  • realizzano un volume di ricavi annuo superiore a 5.164.568,99 euro;
  • dichiarano alla fine del periodo di imposta un valore di rimanenze finale superiore a 1.032.913,80 euro.

L’obbligo scatta dal secondo periodo di imposta successivo.
Si invitano, pertanto, tutti i Gentili Clienti che svolgono attività d’impresa a redigere l’inventario analitico di magazzino con riferimento alla situazione esistente a Dicembre nel quale dovranno essere indicate su apposita distinta analitica le giacenze, valutate secondo i criteri esposti nella tabella che segue:

Criteri di valutazione in base alla tipologia di beni :

  • Merci e Materie Prime: da raggruppare, secondo categorie omogenee (per natura e valore), con l’indicazione del criterio valutativo adottato.
  • Prodotti finiti: mediante indicazione analitica dei costi di produzione sostenuti per l’ottenimento dei prodotti stessi.
  • Prodotti in corso di lavorazione: mediante indicazione analitica dei costi di produzione sostenuti fino a Dicembre
  • Lavori e servizi in corso su ordinazione: mediante indicazione analitica del criterio valutativo adottato (costo di produzione o corrispettivo pattuito), nonché del costo industriale sostenuto/corrispettivo ragionevolmente maturato fino alla data medesima.

 

 

L’INVENTARIO DI MAGAZZINO PER LE CONTABILITA’ SEMPLIFICATE PER CASSA O CON REGIME DELLA REGISTRAZIONE

Le imprese che hanno adottato il regime di contabilità semplificata 2019 per cassa (o con criterio della “registrazione”, con il quale gli incassi e i pagamenti si presumono coincidere con la data di registrazione dei documenti fiscali) hanno abbandonato il tradizionale principio di competenza economica. Una delle conseguenze principali di questa scelta contabile è che il valore delle rimanenze di magazzino non impatta nella determinazione del reddito. Il nuovo criterio di determinazione del reddito delle imprese in contabilità semplificata per “cassa” o per “registrazione”, potrebbe far sorgere il dubbio che non sia più necessario per tali soggetti la redazione dell’inventario di fine anno. Tuttavia da un esame sistematico ed approfondito delle norme di legge ancora in vigore, emerge chiaramente la necessità di redigere comunque l’inventario delle rimanenze di magazzino.

Questo per le seguenti ragioni:

  • questi dati sono necessari per la corretta compilazione degli studi di settore e dei indicatori di affidabilità fiscale (ISA) che hanno sostituto gli studi di settore;
  • non è mai stato abrogato l’obbligo civilistico di predisposizione dell’inventario (art. 2217 c.c.);
  • Per le imprese in contabilità semplificata, l’articolo 9, comma 1, del D.L. 2/3/89 n. 69, e l’articolo 2, del D.M. 2/5/1989, mai abrogati, stabiliscono che il valore delle rimanenze venga annotato, entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi, sui registri IVA, (in alternativa, l’indicazione di tali dati può essere contenuta in apposito prospetto di dettaglio, da redigere sempre entro il termine sopra citato) indicando:
  • Le quantità e i valori delle singole categorie di beni in giacenza alla fine dell’esercizio;
  • I criteri seguiti per la valutazione.
  • tali dati saranno sempre e comunque necessari nel caso di passaggio dal regime contabile semplificato a regime contabile ordinario.

 

 

 

Bientina lì 27/12/2019

Studio Mattonai

Lascia un commento